27/11/18

Amianto e pneumatici sull’Alta Murgia, scene di inaccettabile ordinarietà

GxA Rifiuti

 

Guardie per l’ambiente: «Le tracce sui luoghi del ritrovamento, la quantità rilevante delle lastre di amianto e dei copertoni non lasciano dubbi sulla “organizzazione” di chi compie questi gesti»

Lastre di amianto, pneumatici e materiale di risulta abbandonati in zona Sansanello a Corato, in piena area del parco nazionale dell’Alta Murgia.

«Ormai ordinarietà, purtroppo. Inaccettabile ordinarietà» scrivono le Guardie per l’ambiente. S«iamo in un luogo facilmente frequentato dai cultori della natura. Si incontrano cavalli che passeggiano battendo armoniosamente i loro zoccoli, famiglie intente ad assaporare i profumi selvatici, qualche bicicletta in velocità che fa ancora divertire molto i ragazzini.

Ma appena si imbocca qualche stradina interpoderale un po' nascosta, non mancano le sorprese. Lastra di amianto accatastate con dovizia, alcune perfino sbriciolate in più parti, materiale pericoloso in grado di liberare la sua fibra killer. Poi i penumatici, tanti, a fine ciclo oppure scorticati».

«Quella che abbiamo rilevato oggi - spiega Pasquale Laterza, presidente della Guardie per l’Ambiente - non è ricollegabile ad un fenomeno di scarichi occasionali ma di una preordinata attività volta a disfarsi di rifiuti la cui natura è altamente pericolosa. Le tracce sui luoghi del ritrovamento di pneumatici di grossi mezzi da trasporto, la quantità rilevante delle lastre di amianto e dei copertoni non lasciano dubbi sulla “organizzazione” di chi compie questi gesti.

A chi compie questi riti di violenza nei confronti della natura noi dedicheremo il nostro tempo al fine di individuarli e denunciarli alle Autorità competenti. Non abbiamo mai scherzato sull’argomento».