×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42
06/03/12

Giovinazzo (BA): le Guardie per l'Ambiente scoprono una discarica di 30.000 mc di rifiuti speciali

Troppi, tanti, tantissimi, una valanga di rifiuti speciali pericolosi e non. Una discarica a ridosso della S.S.16 Bis in zona "Ganga di Lupo", all'altezza del territorio della splendida Giovinazzo (BA).

A segnalarlo sono state le GUARDIE PER L'AMBIENTE che dopo aver fatto una dettagliata ricognizione hanno inoltrato una nutrita informativa ai Carabinieri e alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari. La vasta discarica si è presentata come un'area dedicata e approntata alla bisogna per ricevere con costanza ingenti quantità (circa 30.000 metri cubi) di mescolati materiali di risulta, uniti anche alle devastanti onduline di cemento contenente fibra di asbesto. Insomma, un allestimento di macchine e uomini pronti a "tombare" definitivamente, come se niente fosse, tutto il materiale inquinante.

Dalle discariche abusive possono derivare danni all’atmosfera (emissioni di fumi), alle acque (percolato), al suolo e sottosuolo (falde idriche), oltre che all’assetto del territorio ed al paesaggio (degrado generalizzato) nonché situazioni più grave di siti inquinati da bonificare ex post con urgenza.

La nostra forza - spiega il Presidente nazionale delle GUARDIE PER L'AMBIENTE, anch'egli guardia giurata ecozoofila -, è l'affrontare ogni problematica nell'alveo della legge e per la legge. Non amiamo indossare fregi e figurine stupide, vestendoci come alberi di natale con stelle filanti al seguito, ma privilegiamo solo azioni concrete, fatti, in sinergia con l'Autorità giudiziaria e con le altre forze di polizia, laddove queste si rendano disponibili e collaborative. Con le nostre quotidiane azioni, portiamo costantemente alla luce devastazioni inimmaginabili, conservando, per questo nostro alto impegno civile, il triste primato di aver dato impulso al primo procedimento in Italia di traffico di rifiuti. Con la forza della buona volontà, con il rigore di legge e la pulizia morale, si può fare molto per la nostra terra, perchè per camminarci sopra si deve almeno conoscerne il valore.