×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42
14/03/12

Le Guardie per l'Ambiente nel parco nazionale dell'Alta Murgia

Le Guardie per l'Ambiente in servizio sul territorio dell'area naturale protetta del parco nazionale dell'Alta Murgia. Splendide passeggiate nelle zone boscate alla ricerca di tracce di animali da difendere, di bracconieri da colpire, di sporcaccioni da sanzionare.

Proprio da questa esperienza stanno partendo le Guardie per l'Ambiente per elaborare un piano delle aree sensibili, oggetto di attenzione dei bracconieri ma anche di luoghi facili da raggiungere dagli immancabili stupidi sporcaccioni nostrani. Ed è in questi luoghi che si stanno concentrando le attenzioni e gli sforzi, giungendo fino a picchettarli per 24 ore continuative per sorprendere e punire chi crede che l'ambiente sia una risorsa da stuprare impunemente.


L'operatività si è ormai maturata a tal punto che le Guardie hanno fatto della formazione il luogo in cui elaborare e proporre soluzioni ai problemi ambientali, attraversando l'importantissima esperienza della vigilanza venatoria, ambientale e di tutela degli animali. Infatti, la vigilanza rappresenta il vero contatto con i problemi ambientali per poi, dopo, a tavolino analizzarli per giungere a proposte concrete.
Il nucleo di vigilanza è stato rafforzato e sono in arrivo numerose altre nomine di Guardia particolare giurata richieste al Prefetto e alla Provincia.

Ci auguriamo - spiega il presidente dell'Associazione, Pasquale LATERZA -  che con l'arrivo della prossima stagione primaverile possa avere grande effetto l'attività preventiva che stiamo mettendo a punto in questi giorni, così potremmo avere un territorio più vivibile. Resta solo da capire come le Autorità affronteranno l'annoso problema degli incendi boschivi, vera piaga per la natura.
Per diventare Guardie per l'Ambiente bisogna essere maggiorenni, cittadini italiani o di altri stati membri dell'Unione europea e nello specifico possedere i requisiti richiesti dallo stato per ottenere il decreto prefettizio di guardia particolare giurata. È necessario seguire un corso formativo e superare un esame abilitante. Il servizio non è retribuito e non da luogo ad un rapporto di lavoro. È previsto l'obbligo di prestare un minimo di ore di servizio mensili.