×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42
15/03/13

Abbattuta una cisterna antica in zona Murgetta, la Procura apre un fascicolo In evidenza

Una vecchissima cisterna di raccolta delle acque meteoriche è stata abbattuta e ricoperta da breccia bianca. La Procura della Repubblica di Trani ha aperto un fascicolo, ipotizzando reati di natura edilizia

Siamo in contrada Murgetta a Corato. Un grande masso impedisce l'accesso ad un'area che in tempi passati regalava funghi, asparagi e frutti spontanei di ogni genere.

Provando a passare dalla parte opposta dell’ingresso interpoderale occluso, ecco la sorpresa: una vecchissima cisterna di raccolta delle acque meteoriche è stata abbattuta e ricoperta da breccia bianca.

«Della cisterna, che certamente costituiva una bella testimonianza del nostro passato, ormai non c'è più traccia - spiega Pasquale Laterza, presidente nazionale delle Guardie per l’Ambiente e membro ICEF presso la Suprema Corte di Cassazione - ed è per questo che dopo aver conferito con l’autorità giudiziaria, la Procura della Repubblica di Trani ha aperto un fascicolo, ipotizzando reati di natura edilizia».

Purtroppo la zona non è nuova a simili scempi ambientali.

«Il nostro sospetto - aggiunge Laterza - è che sotto la breccia nella cisterna possano anche essere stati buttati dei rifiuti».

E’ comunque stato un periodo intenso dal punto di vista dei controlli.

«Sono stati accertati diversi fenomeni di aggressione ambientale», sottolinea ancora Laterza.

«In zona San Vittore un terreno in cui ignoti hanno dato alle fiamme un ingente materiale vegetale è stato immediatamente sedato e sono stati svolti gli accertamenti del caso. Abbiamo elevato numerosi verbali per la violazione all’apposito regolamento prescrittivo.

Lungo il tratturo Barletta Grumo, sull’area paesaggistica, abbiamo invece riscontrato la presenza di un casa abusiva attorniata da ingenti rifiuti sparsi sul terreno. Gli atti sono già stati trasmessi al Comune per le dovute verifiche.

Su questo fronte sono diverse anche le richieste delle forze dell’ordine che ci interpellano per risolvere questioni che altrimenti rimarrebbero nascoste se non abbandonate per sempre».