×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42
07/06/12

La Z.A.C. richiesta dagli ambientalisti/cacciatori, non si fara' In evidenza

CORATO - La Z.A.C. richiesta dagli ambientalisti/cacciatori, non si farà. Esattamente come avevano sostenuto - carte alla mano - le GUARDIE PER L'AMBIENTE. Sulla questione piena condivisione di lettura è stata anche confermata dalle Associazioni LIPU, PRONATURA e WWF.

Anche la Regione e il Prefetto hanno voluto vederci chiaro, molto chiaro. Soprattutto anche cosa sia successo alla Provincia di Bari, dove per prima è arrivata la richiesta. In ogni modo, niente Zona di Addestramento Cani sulla Murgetta, niente animali da ammazzare per il divertimento dei cacciatori in una zona, peraltro, più volte stuprata e devastata sotto il profilo ambientale. Incassa quindi l'ennesima vittoria l'Associazione nazionale GUARDIE PER L'AMBIENTE.
Come nostro fare - spiegano le Guardie - abbiamo subito avviato i nostri controlli sulla questione che si è rivelata più "sporca" di quanto potessimo immaginare. Stiamo valutando se denunciare alla magistratura penale la questione e i soggetti coinvolti. Questo goffo tentativo di confondere la vera tutela dell'ambiente e degli animali, come un affare economico da gestire da pseudoambientalisti tuttofare, è stato smascherato svanendo peraltro come un incantesimo da filastrocca.
Purtroppo - aggiungono alle Guardie - esiste ancora uno zoccolo duro di presunti amanti della natura che si nasconde dietro un'amarezza che dovrebbe far riflettere tutta la società civile: credere che mostrare uccelli in gabbia (privi della libertà di volare), oppure ammazzarli nella convizione di essere dei veri "sportivi" (ma la caccia non è uno sport, in uno sport entrambi i contendenti sanno di concorrere!), sia il modo per amare la natura. Salvo poi verificare come gli stessi, nei fatti, ricercano solo un proprio piccino tornaconto legato al momento.

Noi come Guardie riconosciute dalle Autorità, cerchiamo di dare propulsione alle questioni che ineriscono le norme di legge. All'aria fritta non abbiamo mai dato peso, perché per ottenere i risultati non bastano le belle parole ma la concretezza dei fatti. In quello ci differenziamo. Orgogliosamente.